facebook_pixel

Archivio | Legalese

RSS feed for this section

Garanzie e rimborsi quando si importa dalla Cina

Garanzie di Rimborso

La produzione non è una scienza. Per gli importatori, sia grandi che piccoli, non si tratta di stabilire se si verificheranno problemi inerenti la qualità, ma quando tutto questo avverrà. Pertanto, quali obblighi i fornitori cinesi, sia i commercianti che i produttori, hanno in realtà nel rimborsare i loro acquirenti per tali complicazioni? La risposta è semplice: sostanzialmente nessuno. Non esiste nessun trattato internazionale che, per impostazione predefinita, costringa il fornitore a rimborsare gli articoli difettosi secondo uno schema predefinito.

Eppure, molti produttori cinesi sostengono di offrire una garanzia a volte valida per anni! In questo articolo spieghiamo perché la “garanzia” nella produzione in outsourcing non è davvero quello che tu pensi che sia e perché per te è necessario andare fino in fondo ed analizzare i termini reali, piuttosto che fare ipotesi che spesso si rivelano disastrose.

Non ci sono “garanzie” nel commercio internazionale

Il termine “garanzia” è davvero fuori luogo in un contesto di Business to Business (commercio interaziendale). La garanzia, nel senso che il termine ha per la maggior parte delle persone, è un sistema che serve a proteggere i consumatori. Nelle operazioni commerciali tra aziende, invece, sta all’acquirente ed al venditore negoziare i termini. Tutto ciò non rappresenta un’esclusiva per la Cina, ma è valido anche in Europa, in America e nella maggior parte degli altri mercati. Con questo non vogliamo dire che non esistano regole di sorta da applicare ai rapporti commerciali. Continua a Leggere →

Procedure doganali negli Stati Uniti: Tutto quello che un importatore deve sapere

Dogana Statunitense

Stai cercando di capire come funzionano le normative e le procedure doganali statunitensi? Non sei sicuro di cosa sia un “Customs bond”, o quando devi presentare la polizza di carico? Far superare i controlli doganali alla tua merce è l’ultima fase nel processo di importazione e la posta in gioco è alta. Senza rispettare le procedure ed i regolamenti doganali prestabiliti, potresti dover affrontare complicazioni piuttosto gravi, compresi costosi ritardi e il rifiuto dell’ingresso della spedizione nel Paese di destinazione.

Per chiarire le idee a chiunque voglia esportare e vendere le proprie merci negli Stati Uniti, ci siamo messi in contatto con una vera professionista: Kathy Rinetti, Customs Manager di Flexport.com, che ha sede a San Francisco. In questo articolo, Kathy chiarisce cosa occorre sapere sapere sui documenti di trasporto, sui customs bonds, le tasse portuali e perché sia necessario un Customs broker. Continua a Leggere →

Acquistare prodotti in “private label” (o “marca privata”) dalla Cina

produttori di private label

La realizzazione di prodotti in “private label” è più accessibile che mai. Oggi giorno le piccole e nuove imprese possono creare la propria linea di abbigliamento o marchio di orologeria anche con un budget limitato. Sebbene il “private label” non sia riservato solo alla Cina, nessun altro Paese può offrire la marca privata abbinandone l’incredibilmente vasta gamma di fornitori presenti in quasi ogni settore.

In questo articolo, spieghiamo perché la Cina è il luogo ideale per reclutare produttori di private label . Andremo anche ad esaminare gli aspetti tecnici del “Private label”, compresi i tipi di stampa, i colori e la progettazione grafica. Ultimo ma non meno importante, spieghieremo perché acquistare prodotti progettati in fabbrica (ovvero prodotti non personalizzati) non sia una ragione valida per rendere meno rigido l’iter di garanzia della qualità.

Cos’è il “private label”?

I prodotti di “private label” sono articoli di marca che una società produce per un’altra azienda. In sostanza, ciò significa che puoi avere il tuo logo stampato su un design di prodotto già esistente, sviluppato (o rubato, come spiegherò in seguito) dal fornitore. Il vantaggio della “marca privata” sta anche nel fatto che le piccole e nuove imprese possono creare dei marchi propri senza impegnarsi in un processo di sviluppo del prodotto complesso e che richiede tempo e denaro. Continua a Leggere →

Conformità REACH (sostanze chimiche): Tutto quello che un importatore dovrebbe sapere

Conformità REACH

Il REACH (Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze chimiche) è una normativa dell’Unione Europea che disciplina migliaia di sostanze come piombo, cadmio e colori AZO. Eppure, pochi importatori europei sono informati sul REACH, su come si applica alla loro merce importata e sul fatto che il mancato rispetto di tale direttiva possa comportare gravi sanzioni pari a milioni di Euro. Inoltre, solo una minima parte dei produttori cinesi è in grado di garantire la propria conformità al REACH.

Sappiamo che molti piccoli imprenditori sono preoccupati da questa normativa. Ecco perché abbiamo invitato Compliance & Risks, società con sede in Irlanda, per approfondire l’argomento. In questa intervista a Compliance & Risks, ti spieghiamo tutto quello che devi sapere sulla direttiva REACH prima di importare merce dalla Cina e da altri paesi asiatici. Continua a Leggere →

Test di certificazione dei prodotti quando si importa dalla Cina

test di certificazione in Cina

Avvalersi di una società terza che svolga i test di certificazione è l’unico modo per essere certo che i tuoi prodotti siano conformi alle normative di sicurezza europee. In questo articolo ti spieghiamo perché svolgere dei test è fondamentale quando importi articoli dalla Cina, quando è il momento giusto per testare i tuoi prodotti e come dovresti gestire un test dall’esito negativo.

Diverse tipologie di test sui prodotti

Scopo dei test sui prodotti è quello di verificare se un articolo risulti essere conforme con una o più direttive, leggi o normative di sicurezza. Poiché vi sono diversi tipi di normative di prodotto, esistono anche diversi tipi di test, tra cui: Continua a Leggere →

Come importare sigarette elettroniche dalla Cina

importare sigarette elettroniche dalla Cina

Le sigarette elettroniche sono uno dei pochi prodotti elettronici inventati – e non solo prodotti – dai cinesi. Per essere precisi, a Shenzhen, circa dieci anni fa. Si tratta di un prodotto altamente controverso in quanto può arrivare ad essere letale, se non viene realizzato in accordo agli standard di sicurezza in vigore. Ecco perché in quest’articolo daremo molto spazio alle normative europee e a come rispettarle.

Aziende produttrici di sigarette elettroniche in Cina

Una ricerca su Alibaba.com ci svela che l’87% delle aziende cinesi specializzate nella produzione di sigarette elettroniche si trova nella provincia del Guangdong e, in particolare, a Shenzhen, Dongguan, Huizhou e Zhongshan. Continua a Leggere →

Dazi doganali e altre tasse d’importazione dalla Cina: La guida

dazi importazione

Quest’articolo è una guida alle varie tasse che bisogna pagare quando si importa dalla Cina (dazi doganali, IVA, dazi anti-dumping). Andremo anche a vedere come pagare tali tasse.

Unione Europa

Dazi doganali

L’Unione Europea rappresenta un mercato singolo. Ciò significa che tutti i paesi membri dell’Unione applicano gli stessi dazi doganali, quando si importa da paesi extra-europei. Se invece si importa da uno stato membro dell’Unione (dalla Spagna all’Italia, ad esempio) non bisognerà pagare alcun dazio.

Detto ciò, i dazi variano a seconda del prodotto che si vuole importare. In generale, se si tratta di prodotti che non vengono realizzati in Europa (quasi tutta l’elettronica di consumo, ad esempio), i dazi tendono ad essere molto bassi (a volte sono addirittura assenti). Al contrario, quando si importano prodotti appartenenti a settori industriali importanti anche in Europa, allora i tassi tendono ad essere molto più alti visto che tali prodotti andranno a fare diretta concorrenza alle aziende manifatturiere europee. Ecco qualche esempio: Continua a Leggere →

Come Importare Beni dalla Cina per rivenderli online: Aspetti Fiscali, Iva e Dazi Doganali

aspetti fiscali importazione

Oggi pubblichiamo un articolo scritto da Luca Taglialatela, fondatore di Fisco sul Web, un sito web che si propone di guidare a livello fiscale tutti coloro che hanno – o stanno pensando di aprire, – un’attività commerciale online.

In particolare, abbiamo chiesto a Luca di illustrarci gli aspetti fiscali principali che bisogna conoscere per importare beni dalla Cina allo scopo di rivenderli online. Continua a leggere per sapere:

  • Cosa si intende per “importazione” dal punto di vista fiscale
  • Come si calcolano l’IVA e i diritti doganali per le merci importate
  • Quali elementi vanno inclusi (e quali invece esclusi) nel valore in dogana
  • Un esempio pratico di calcolo di IVA e diritti doganali
  • Quali sono gli adempimenti amministrativi e quando è necessaria una partita IVA per vendere online (documento pdf scaricabile gratuitamente a cura di Fisco sul Web)

Continua a Leggere →

Normativa REACH: Quali sono le sostanza chimiche proibite quando si importa in Italia?

normativa REACH

Per essere importati legalmente all’interno dell’Unione Europea, molti prodotti quali l’arredamento, i giocattoli o le plastiche devono essere conformi alla normativa REACH. In quest’articolo illustreremo come si può determinare se per un dato prodotto è necessario eseguire il test REACH e, nel caso sia necessario, come assicurare la conformità del prodotto alla normativa.

Cos’è la normativa REACH?

Il REACH (Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle Sostanze Chimiche) è una normativa dell’Unione Europea che regola la produzione, l’importazione e la vendita delle sostanze chimiche o dei prodotti finiti che contengono sostanze chimiche. Stiamo quindi parlando della maggior parte dei prodotti presenti sul mercato.

Come già discusso per la normativa CE, anche per la normativa REACH vale lo stesso discorso: quando si importano merci da un paese extra-europeo la responsabilità della conformità della merce spetta esclusivamente all’importatore. Ripeto, la responsabilità – sia civile che penale – non ricade nel fornitore cinese bensì nell’importatore. Continua a Leggere →

Direttiva RoHS quando si importa dalla Cina

direttiva RoHS

La direttiva RoHS va applicata alla maggioranza delle apparecchiature elettroniche fabbricate o importate all’interno dell’Unione Europea. Quando si importa dalla Cina non bisogna commettere l’errore di supporre che le aziende manifatturiere cinesi rispettino tale direttiva. In quest’articolo spiegheremo che cosa significa avere un prodotto conforme alle norme RoHS e come assicurare tale conformità.

RoHS e RoHS 2

RoHS (Restriction of Hazardous Substances Directive) è una direttiva che limita l’impiego di alcune sostanze – metalli pesanti, in particolare, – nelle apparecchiature elettroniche. La normativa mira a ridurre l’impatto di sostanze tossiche quali il piombo o il mercurio sia sugli esseri umani che sull’ambiente.

Le sostanze interessate sono le seguenti: Continua a Leggere →