“Body Positive Dolls”: Trasformando l’industria dei giocattoli – Caso di Studio [Un nostro cliente]

Body Positive Dolls

Solo 6 mesi fa Mirror Movement era solo un’idea. Ad oggi, hanno appena lanciato il loro primo prodotto.

Hanno sottoscritto il Servizio “Guida per l’Importatore” a marzo di quest’anno, poco prima che ordinassero il loro primo prototipo.

In questo caso di studio scoprirai come sono arrivati a questo punto in pochi mesi e come Simon Stokes e sua moglie siano in procinto di cambiare, quasi letteralmente, lo status del settore delle bambole, così come noi lo conosciamo.

Prima domanda. Come siete giunti a questa concezione del prodotto?

Dopo aver rivelato la sua battaglia ventennale contro un disturbo alimentare, mia moglie è molto impegnata nel ridurre l’impatto che l’immagine negativa del corpo può avere sui giovani.

Nel novembre del 2017, questa passione l’ha spronata a sviluppare il Mirror Movement: un movimento per le madri affette dai problemi legati all’alimentazione ed all’immagine del corpo e che hanno anche delle figlie.

Una notte abbiamo sentito le nostre figlie giocare nel bagno ed abbiamo ascoltato la maggiore che commentava quanto fosse bello il corpo di Barbie.

Questo episodio ha messo in allarme mia moglie, dato che il corpo di Barbie è irraggiungibile ed irrealistico, ed ha cominciato a pensare alla mancanza di una diversificazione delle dimensioni nel mondo dei nostri figli. Ciò le ha fatto venire in mente l’idea di una gamma di bambole che mettessero in risalto le forme e le dimensioni variabili che ci contraddistinguono.

Queste dimensioni del corpo si basano sulle forme della frutta: non puoi avere una macedonia preparata con un solo frutto, tantomeno puoi avere una società che promuova la forma di un solo corpo.

Questo è il primo prodotto che avete lanciato?

Sì. Negli ultimi 25 anni ho lavorato come docente ed ho insegnato all’estero e in Australia, fino a quando mia moglie, anche lei è un’insegnante, ha avvertito il desiderio di seguire la sua passione, promuovendo il Mirror Movement e, da allora, le nostre vite hanno subito un cambiamento.

Non avrei mai immaginato che avremmo imparato a sviluppare e a vendere dei prodotti. E’ stato un periodo emozionante, ma impegnativo, durante il quale ho imparato tanto.

Foto n° 4

Come avete trovato il produttore?

Per trovare dei produttori online, mi sono rivolto a Global Sourcing ed Alibaba. Ho cercato un’azienda di medie dimensioni che fosse disposta a collaborare con una startup.

Probabilmente ho inviato 5 o 6 email a diversi produttori ed ho ricevuto risposta da tutti tranne uno. Tramite la ricerca ho imparato che molti dei giocattoli realizzati nel mondo vengono prodotti a Shantou.

Ho selezionato quattro produttori che si trovavano a Shantou e ho continuato a tenermi in contatto con loro per quanto riguardava ciò che volevamo sviluppare. Quando uno di loro mi ha comunicato la sua Quantità Minima da Ordinare (MOQ), ho capito che la MOQ era troppo elevata per le nostre esigenze iniziali, mentre gli altri tre erano entusiasti nel fare affari con noi.

Io e mia moglie ci siamo organizzati per andare in Cina ad aprile per incontrare i tre produttori, né io né lei abbiamo una mente tecnologica, inoltre i nostri progetti erano solo disegni e volevamo lavorare con i loro team per realizzare un prototipo/campione.

Tutti i produttori sono stati molto disponibili: ci sono venuti a prendere in hotel e, dopo l’incontro, ci hanno portato fuori a pranzo.

La lingua è stata un problema solo in occasione di uno degli incontri. I primi due produttori hanno faticato a comprendere il concetto di diversità di dimensione delle bambole, ma il nostro incontro finale, nel quale ha preso parte anche il proprietario, è andato molto bene e, alla fine, lui è rimasto piuttosto entusiasta della nostra idea. Avevamo trovato il nostro produttore.

Foto n° 3

Quali difficoltà avete dovuto affrontare quando avete chiesto un preventivo ed avete ordinato i campioni?

Non siamo riusciti a ricevere un campione reale delle bambole che volevamo, perché bisognava realizzare uno stampo dal costo di 11,500 USD, poiché le nostre bambole erano così diverse dalla gamma di bambole che avevano già prodotto.

Ancora non volevamo spendere tutto quel denaro, ma, dopo un incontro con il loro designer, siamo riusciti a farci consegnare un campione stampato in 3D, che rispecchiava la forma del corpo che volevamo.

Ci hanno mandato i 2 prototipi in Australia, circa 10 giorni dopo il nostro rientro a casa.

Per quanto riguarda i preventivi e la Quantità Minima da Ordinare (MOQ) sono stati in grado di darci un’indicazione (una differenza di 3RMB) sul prezzo di ciascuna bambola, oltre ai tre abiti presenti nella confezione finale. Tutto ciò verrà finalizzato una volta completato lo stampo.

Con la Quantità Minima da Ordinare (MOQ) sono partiti da un numero molto più elevato di quanto volessimo per il nostro primo ordine, ma abbiamo negoziato fino a 1000 unità per ciascuna bambola, quantità che ritenevamo equa, dal momento che avremmo pagato in anticipo lo stampo.

Bambola 4 Medium 768x1024

A marzo di quest’anno avete ordinato il Servizio “Guida per l’Importatore”. Cosa ha vi ha portato a questa decisione?

Quando il concetto di Positive Body Image Dolls ha preso forma, non sapevo assolutamente nulla sulla produzione (a parte il fatto che era più economico farlo in Cina), sull’importazione dei prodotti, sulle spedizioni, sulla vendita di bambole e su Amazon.

Avevo bisogno di aiuto, pertanto sono andato su Internet ed ho cominciato a fare qualche ricerca.

Google non ha impiegato molto a capire cosa stessi cercando, perciò tutti i pop up pubblicitari hanno cominciato a comparire in tutti i corsi che mi avrebbero aiutato.

Ho partecipato a molti webinar, così ho deciso che Chinaimportal, il vostro sito in inglese, venisse incontro alle mie esigenze ed aveva un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Per quanto abbia dedotto, avevi già iniziato il processo quando ti sei registrato?

Alla fine del 2017, mia moglie ha iniziato a lavorare per dare vita al Mirror Movement.

All’inizio del 2018, le è venuta l’idea delle Positive Body Image Dolls e, utilizzando un software chiamato Makehuman, ha ideato queste le bambole, giocando con le dimensioni e la forma.

Successivamente, abbiamo iniziato a cercare i produttori in Cina eppoi, ad aprile, siamo saliti su un aereo per realizzare i nostri progetti.

Bambole 1 Medium 768x1024

Ripensando agli ultimi mesi, come pensi che il Servizio “Guida per l’Importatore” vi abbia aiutati?

Ho aderito al Servizio “Guida per l’Importatore” prima di andare in Cina per incontrare i potenziali produttori.

Avendo poche conoscenze o poca esperienza nell’introduzione di un nuovo prodotto sul mercato, avevo bisogno di informazioni che mi guidassero in questo processo.

Anche se non ho usato questo Servizio per trovare un produttore, mi è stato molto utile per la preparazione dei nostri incontri.

Ho seguito il corso prendendo appunti e scrivendo le domande chiave da sottoporre ai nostri produttori.

Il punto in cui il Servizio “Guida per l’Importatore” è stato fondamentale riguardava i problemi concernenti il controllo qualità, le spedizioni, la dogana, le imposte e la conformità dei prodotti importati.

Bambole 2 Medium

Quando pensate di consegnare il primo lotto?

Il piano prevede di trovare dei finanziatori entro la fine novembre del 2018. Ricevere il loro sostegno prima di Natale è molto importante, perché pensiamo che queste bambole saranno un regalo straordinario.

Vi concentrerete sulla vendita in Australia, oppure possiamo aspettarci di vedere il vostro prodotto in Europa e negli Stati Uniti entro la fine dell’anno?

Abbiamo lanciato una campagna Kickstarter, e uno dei grandi vantaggi offerti da tale campagna è che ci fornirà un’ottima guida su dove indirizzare la domanda e nel capire dove questa domanda è maggiore.

Crediamo che i nostri mercati principali saranno l’Australia e gli Stati Uniti. Se le cose andranno bene, il prossimo anno ci piacerebbe pubblicizzare le bambole in Europa.

Avete in programma di creare il vostro negozio online, oppure comincerete su Amazon?

In questa fase non pensiamo di creare il nostro negozio online, ma le bambole saranno disponibili sul nostro sito web www.amandastokes.com.au.

Riteniamo che la maggiore richiesta di queste bambole passerà tramite il mercato di Amazon in Australia e negli Stati Uniti.

  • Tags:

    No comments yet.

    Lascia un commento

    * Questa casella GDPR è richiesta

    *

    Accetto