Come contenere i costi quando si importa dalla Cina

Costi delle Startup

Spesso, partire dall’idea per arrivare al prodotto confezionato e consegnato è molto più complesso e costoso di quanto si possa pensare. Ci sono un sacco di finanziatori, che hanno fallito l’obbiettivo di aprire nuove attività, che possono testimoniarlo.

In qualità di startup con risorse limitate, il tempo ed il denaro ti remano contro. Per potercela fare, devi sfruttare al massimo il piccolo fondo di denaro che hai a disposizione.

In questo articolo condividiamo la nostra esperienza per aiutarti a contenere i costi quando lanci un prodotto. Continua a leggere e scopri come puoi adottare un approccio meno complesso per importare merce dall’Asia.

1. Concentrati su uno o, al massimo, due prodotti.

Non cercare di cominciare con il lancio di un’intera collezione di prodotti, soprattutto se questi prodotti sono così differenti tra loro da necessitare diversi produttori.

Ciascun prodotto è un investimento in termini di tempo e denaro. Trovare i produttori giusti, redigere le specifiche di prodotto ed acquistare i campioni, richiede un sacco di tempo ed una discreta quantità di denaro.

Se fai il passo più lungo della gamba prima ancora di avere qualcosa da mettere sul mercato, è probabile che non otterrai nulla.

Come startup o, in generale, come piccola impresa, il tuo unico punto di forza è l’esperienza. Devi concentrarti su un unico prodotto.

Guarda le aziende come la Daniel Wellington, produttrice dell’orologio da polso che ha conquistato il mondo. Qui hanno cominciato con un solo prodotto.

Sembra che le cose siano andate piuttosto bene per loro, considerando che hanno trasformato un investimento di 15.000 USD in un business che genera decine di milioni di dollari, tutto in soli quattro anni.

2. Semplifica i requisiti di progettazione e funzionalità

E’ tipico che le startup, nel software o nell’e-commerce, siano a corto di denaro nel tentativo di perfezionare all’infinito il loro prodotto. Quando lanci un prodotto, non puoi permetterti di fissarti in maniera ossessiva su quelle caratteristiche che, in realtà, non contano.

Ho visto più di una volta come gli importatori stabiliscano requisiti di funzionalità e progettazione che sono molto costosi, o addirittura impossibili da realizzare.

Nella maggior parte dei casi, tutto ciò dipende dalla mancanza di esperienza. Esistono limiti fisici a ciò che può essere prodotto.

Inoltre, un numero eccessivo di dettagli e funzioni del progetto aumenta il rischio di gravi ritardi o, addirittura, la mancata realizzazione di un solo prodotto campione.

In effetti, non dovresti fare un compromesso al ribasso sui requisiti di progettazione e sulle funzioni che sono fondamentali per il tuo modello di business. Detto questo, mantieni le cose quanto più snelle possibile e, una volta collaudato sul mercato, sviluppa ulteriormente il tuo prodotto.

3. Non investire troppo denaro sulle nuove attrezzature

Ogni pezzo personalizzato di metallo o plastica richiede uno stampo ad iniezione. Quanti più pezzi personalizzati sono necessari per assemblare il tuo prodotto, tanti più soldi dovrai spendere per acquistare le attrezzature.

Se vuoi contenere i costi, dovresti cercare, nei limiti del possibile, gli utensili già esistenti. Ad esempio, potresti posticipare il progetto di una nuova confezione del prodotto fino al prossimo ordine.

Come già detto, è davvero impossibile sviluppare un prodotto senza spendere un solo dollaro nell’acquisto di attrezzature.

4. Inizia con un solo mercato di riferimento

L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno quadri normativi differenti, così come Corea, Giappone, Russia, Singapore, Nigeria ed India.

In qualsiasi mercato cerchi di entrare, devi produrre una nuova serie di documenti di conformità e di rapporti dei test.

Tutto ciò richiede tempo e denaro. I test di laboratorio svolti da terzi non sono gratuiti. In realtà, si tratta di una spesa importante che incide sul bilancio di molti importatori.

Il costo dei test viene addebitato non solo in base al numero dei prodotti o dei materiali testati, ma anche in base al numero delle diverse normative (secondo cui un prodotto deve essere controllato).

Detto in breve: risparmi un sacco di tempo e denaro se decidi di concentrarti su un solo mercato da cui partire.

5. Gestisci personalmente il processo anziché assumere un agente

Un agente affidabile, con sede in Cina, è prezioso. Eppure, se stai avviando e sviluppando un attività commerciale e devi scegliere un’agenzia sulla base dei suoi costi ridotti, è sempre meglio che ti arrangi da solo.

Per quale ragione? Perché:

a. Starà attento a spillarti dei soldi tramite le bustarelle che allunga ai fornitori.

b. Sceglierà il fornitore che offre la mazzetta più alta, non chi che è in grado di darti il prodotto che desideri.

c. Non tiene in considerazione la conformità del prodotto, i sistemi di gestione per la qualità o il CSR quando seleziona i produttori.

d. Non c’è trasparenza nella catena di approvvigionamento. Non hai idea di con chi hai a che fare.

La maggior parte di questi agenti dal basso profilo è di scarso valore. E’ raro che sia il contrario. Sono un peso.

Ciononostante importare dall’Asia rappresenta molto più del semplice approvvigionarsi e negoziare sui prezzi.

Devi tener presente la protezione IP, la certificazione ed i test di prodotto, i requisiti di etichettatura, il controllo qualità e le verifiche di conformità sociale.

Non esiste nessun individuo, o azienda, in grado di far fronte ad ogni singola parte del processo. Se ti vengono a mancare tre o quattro milioni di dollari, non hai più denaro sufficiente anche solo per esternalizzare questo processo.

Devi imparare come funzionano queste cose. Nessuno potrà avviare un’attività commerciale al posto tuo, soprattutto il tuo fornitore.

Non fa parte del suo lavoro sapere quali normative si applicano nel tuo mercato, o come un prodotto deve essere etichettato. Così come non è compito suo brevettare i tuoi progetti o ideare il tuo imballaggio.

Non ci sono scorciatoie. Chi si aspetta una vita facile e che gli altri facciano il lavoro al posto suo, non dovrebbe nemmeno prendere in considerazione l’idea di interessarsi all’hardware.

Ma per il fondatore di una grintosa startup le opportunità presenti nell’e-commerce (e non solo su Amazon) sono numerose.

  • Tags:

    No comments yet.

    Lascia un commento