• Imballaggi biodegradabili in Cina

    Pubblicato il Lascia un commento

    Molti marchi stanno passando dagli imballaggi in plastica all’utilizzo di materiali biodegradabili. In questa guida, esaminiamo vari tipi di materiali biodegradabili in schiuma, bioplastica, cartone, funghi, alghe e tessuti.

    Cosa sono i materiali biodegradabili?

    I materiali biodegradabili sono solitamente indicati come materiali che possono essere facilmente decomposti da batteri, funghi o dall’esposizione a temperatura, raggi UV e ossigeno, in un breve periodo di tempo (solitamente entro 6 mesi) e senza inquinare.

    Materiali compostabili

    I materiali compostabili, che sono una sottoclasse dei materiali biodegradabili, possono essere decomposti per mezzo del compostaggio, ovvero si trasformano in humus quando vengono inseriti nei rifiuti organici domestici, nelle paglie delle colture o nelle foglie, in condizioni di temperatura e umidità adeguate.

    I materiali biodegradabili e compostabili sono utilizzati principalmente nell’industria dell’imballaggio come soluzione ecologica per sostituire i prodotti plastici non degradabili a base di petrolio, a causa dell’aumento dei rifiuti solidi in molti paesi.

    EN 13432

    Secondo la definizione fornita dalla norma EN 13432: Requisiti per imballaggi recuperabili attraverso il compostaggio e la biodegradazione, i materiali biodegradabili devono soddisfare almeno i seguenti requisiti:

    1. avere un tasso di volatilità minimo del 50%, dove la “volatilità” descrive la facilità con cui una determinata sostanza passa dalla fase liquida a quella gassosa
    2. I metalli pesanti contenuti nel materiale non devono superare un determinato valore, ad esempio Piombo < 0 mg/kg, Mercurio < 0,5 mg/kg, Cadmio < 0,5 mg/kg
    3. Essere in grado di frammentare almeno il 10% del peso iniziale al di sopra di un setaccio di 2 mm dopo 12 settimane dal primo scarico o compostaggio.
    4. Essere biodegradato almeno al 90% rispetto alla massima disintegrazione di una sostanza di riferimento, entro 6 mesi.

    Quali materiali di imballaggio sono biodegradabili?

    In questa sezione, esaminiamo diversi tipi di materiali biodegradabili utilizzati per l’imballaggio nell’industria.

    • Imballaggio in schiuma di arachidi biodegradabili

    Le arachidi in schiuma biodegradabili sono un tipo di materiale da imballaggio utilizzato in pacchi, carichi e altri tipi di scatole da imballaggio come materiale di tamponamento e ammortizzazione per mantenere l’integrità dei prodotti durante il processo di spedizione o di spostamento.

    Il nome arachide in schiuma deriva dalla sua somiglianza con le dimensioni e la forma delle arachidi non sgusciate. Tradizionalmente, le noccioline di schiuma sono fatte di polistirolo, che non è biodegradabile.

    Negli anni ’90 sono state gradualmente sviluppate arachidi biodegradabili prodotte con colture come l’amido di mais e il sorgo. Queste noccioline a base di amido sono solubili in acqua e rappresentano quindi una valida alternativa alle loro controparti non biodegradabili.

    • Imballaggio in cartone

    Il cartone è un comune imballaggio biodegradabile, che può essere realizzato con un’ampia gamma di materiali fibrosi e biodegradabili, come paglia d’erba, legno, bambù, cotone e carta riciclata.

    La forma, le dimensioni, lo spessore, le dimensioni, la tensilità, gli strati e il tasso di assorbimento dell’acqua del cartone sono flessibili, a seconda delle aspettative degli utenti.

    • Imballaggi in plastica biodegradabile

    Gli imballaggi in plastica biodegradabile sono imballaggi in grado di degradarsi in acqua, CO₂, metano o semplici molecole organiche. Questi prodotti sono solitamente realizzati con colture a base di amido, come patate, grano, sorgo e mais.

    Esempi di imballaggi in plastica biodegradabili sono i sacchetti per le magliette, i sacchetti per la spesa, i sacchetti per la cacca del cane e altri ancora.

    • Imballaggi a base di funghi

    Gli imballaggi a base di funghi sono un nuovo tipo di imballaggio ecologico. L’imballaggio a base di funghi ha l’aspetto e la consistenza del materiale di imballaggio a base di polistirolo, con la differenza che il primo è fatto di radici di funghi, miceli e residui dell’agricoltura.

    Gli imballaggi a base di funghi possono essere utilizzati per i cartoni delle uova, per gli imballaggi interni di prodotti cosmetici e per la cura della persona, per gli imballaggi di alimenti e bevande. Gli imballaggi a base di funghi potrebbero essere un valido concorrente degli imballaggi tradizionali non biodegradabili in plastica o polistirolo, grazie al loro elevato valore economico e al basso costo di produzione.

    Secondo la Guida alla progettazione ecocompatibile dell’UE, gli imballaggi a base di funghi non necessitano di luce, acqua o additivi chimici per essere prodotti, in quanto il micelio può facilmente crescere accanto ai residui fino a raggiungere la forma di imballaggio desiderata in un breve periodo di tempo (di solito circa 1 settimana).

    • Imballaggio con alghe

    L’imballaggio con le alghe è un’altra opzione di imballaggio ecologico. Alcune aziende hanno sviluppato sacchetti di alghe e bustine per prodotti alimentari secchi e umidi come cereali, caffè e condimenti.

    L’applicazione dell’imballaggio con alghe si è estesa anche al settore della ristorazione e viene utilizzato come involucro per alimenti come hamburger, panini e riso.

    • Imballaggio in tessuto biologico

    Gli imballaggi in tessuto biologico si riferiscono agli imballaggi realizzati con tessuti biologici come il cotone, il lino o la canapa certificati GOTS Gli imballaggi realizzati con tessuti biologici sono biodegradabili, in un periodo di tempo compreso tra alcuni mesi e alcuni anni. Ad esempio, il tessuto in cotone biologico al 100% impiega circa cinque mesi per degradarsi.

    Un esempio tipico di imballaggio in tessuto biologico sono i sacchetti di mussola, spesso utilizzati come imballaggio per prodotti per la cura della persona, biancheria intima o profumi.

    Quali tipi di imballaggi possono essere realizzati con materiali biodegradabili?

    In questa sezione presentiamo le applicazioni industriali degli imballaggi biodegradabili.

    Imballaggi per prodotti di consumo

    • Prodotti per la cura della persona
    • Prodotti cosmetici
    • Prodotti elettronici
    • Abbigliamento e tessuti
    • Borse per la spesa

    Imballaggi per alimenti

    • Involucri per fast food
    • Imballaggi per dolci, prodotti da forno e gelati
    • Imballaggi per alimenti secchi e umidi per animali domestici
    • Imballaggi per caffè in grani e in polvere
    • Imballaggio di frutta secca
    • Imballaggio di integratori alimentari

    Imballaggio per l’esportazione

    • Cartoni
    • Sacchetti per pacchi
    • Cartone ondulato
    • Cartone

    Hai bisogno di aiuto per importare prodotti dalla Cina?

    La nostra area specializzata, Imdico Consulting, può offrirti una consulenza professionale per l’importazione a 360° e può assisterti in ogni fase del tuo progetto!

    Affidati agli esperti di Imdico Consulting, ti affiancheranno passo dopo passo mettendo a tuo servizio la loro pluriennale esperienza, per affrontare tutte le possibili insidie che si nascondono dietro ad una importazione.

    Compila il form per ottenere subito una consulenza gratuita, descrivi il tuo progetto e ti contatteranno per valutare la strada migliore per realizzarlo!

    Richiedi la tua consulenza gratuita!

    Scopri come possiamo aiutarti ad importare il tuo prodotto dall’Asia

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.