• Spedizione delle batterie al litio dalla Cina: UN 38.3, imballaggio ed etichette

    Pubblicato il Lascia un commento

    Vuoi importare dalla Cina batterie al litio autonome o dispositivi elettronici alimentati agli ioni di litio?

    Allora potresti essere a conoscenza delle rigide e complicate norme di sicurezza riguardanti l’etichettatura, l’imballaggio per l’esportazione e la documentazione relativi a questi prodotti.

    Tuttavia, potresti avere ancora qualche difficoltà a capire come dovresti effettivamente seguire queste normative quando importi dalla Cina batterie ed apparecchiature elettroniche agli ioni di litio.

    • Quali tipi di batterie e di dispositivi al litio vengono regolamentati?
    • UN 38.3 e altre norme di sicurezza
    • Requisiti di imballaggio per l’esportazione
    • Requisiti sulla documentazione
    • Requisiti dei test di laboratorio
    • Spedizione via mare delle batterie al litio
    • Spedizione ad Amazon delle batterie al litio

    Tieni presente che IATA e i corrieri aerei aggiornano annualmente queste direttive.

    Ciononostante, puoi tranquillamente presumere che in futuro non sarà più facile trasportare le batterie e i dispositivi al litio.

    Quali tipi di batterie e di dispositivi al litio vengono regolamentati?

    Tutte le batterie al litio vengono classificate come materiali pericolosi (DG): ciò comporta che vengano imballate ed etichettate in un certo modo e che siano tecnicamente conformi alle norme di sicurezza.

    Prima di andare avanti, voglio chiarire che le normative riguardano i seguenti tipi di batterie al litio:

    • Batterie agli ioni di litio (Li-Ion)
    • Batterie ai polimeri di litio (Li-Po)
    • Batterie al litio metallico

    In questo articolo ci concentriamo sulle batterie agli ioni di litio (Li-Ion) e ai polimeri di litio (Li-Po), poiché sono ricaricabili e, quindi, vengono utilizzate in numerosi dispositivi elettronici.

    Inoltre, anche alcuni dispositivi elettronici vengono interessati dalle normative sui trasporti:

    • Power bank
    • Lettori MP3 e MP4
    • Altre apparecchiature alimentate a batterie al litio

    Esistono anche dei codici UN che classificano le batterie agli ioni di litio così come segue:

    • UN 3480, batterie agli ioni di litio
    • UN 3481, batterie agli ioni di litio contenute nelle apparecchiature
    • UN 3481, batterie agli ioni di litio imballate con le apparecchiature

    Questi codici vengono utilizzati per l’etichettatura degli imballaggi per l’esportazione su cui torno a parlare più avanti in questo articolo.

    Le normative sono le stesse in tutto il mondo?

    La risposta è “No”. Innanzitutto, IATA presenta annualmente i requisiti di sicurezza del trasporto che si applicano a tutti i trasporti aerei internazionali.

    Tuttavia, corrieri aerei come Fedex e UPS aggiungono i propri requisiti, spesso più severi, a quelli emanati da IATA.

    Tieni presente che tutto questo vale solo per le normative sui trasporti.

    Inoltre, devi anche assicurarti che le batterie siano conformi alle norme di sicurezza vigenti nel mercato di riferimento.

    Panoramica delle normative sulle batterie al litio

    a. UN/DOT 38.3

    Scopo dell’UN 38.3 è quello di stabilire una norma internazionale che garantisca la sicurezza delle batterie al litio durante il loro trasporto aereo, marittimo o terrestre.

    Per essere trasportate, IATA impone che tutte le batterie debbano superare i test UN 38.3.

    Da un punto di vista tecnico, l’UN 38.3 delinea i requisiti di sicurezza che riguardano quanto segue:

    T1 – Simulazione di altitudine (cellulari e batterie primari e secondari)
    T2 – Test termico (cellulari e batterie primari e secondari)
    T3 – Vibrazione (cellulari e batterie primari e secondari)
    T4 – Shock (cellulari e batterie primari e secondari)
    T5 – Cortocircuito esterno (cellulari e batterie primari e secondari)
    T6 – Impatto (cellulari primari e secondari)
    T7 – Sovraccarica (batterie secondarie)
    T8 – Scarica forzata (cellulari primari e secondari)

    Un rapporto del test è l’unico sistema per dimostrare che le tue batterie sono conformi all’UN 38.3.

    In altre parole, se non hai un rapporto del test valido per le tue batterie, non puoi far spedire dalla Cina le batterie e le apparecchiature al litio.

    Sebbene IATA non richieda la presentazione di un rapporto del test MSDS o UN 38.3, il tuo spedizioniere o il tuo corriere aereo (ad esempio, Fedex o DHL) lo faranno sicuramente.

    b. Requisiti sulla documentazione

    IATA impone che tu e/o il mittente compiliate una “Dichiarazione del mittente per le merci pericolose”, comprendente le seguenti informazioni:

    • Mittente
    • Destinatario (importatore)
    • Numero della lettera di vettura
    • Aeroporto di destinazione
    • Natura e quantità della merce pericolosa

    Fatti supportare dai nostri esperti (Imdico Consulting) al fine di evitare problematiche!

    Inoltre, dovrai probabilmente consegnare i seguenti documenti al tuo spedizioniere:

    • Rapporto del test UN 38.3
    • Scheda di sicurezza (MSDS)

    c. Requisiti di imballaggio per l’esportazione

    I cartoni per l’esportazione devono essere muniti di un contrassegno di trasporto indelebile (stampato) che includa le seguenti informazioni:

    • Etichette di avvertimento
    • Nome del tipo di batteria
    • Nome e indirizzo del fornitore
    • Nome e indirizzo dell’importatore
    • Etichetta UN (ad esempio, UN 3480)
    • Procedure di movimentazione (se danneggiati)
    • Numero di telefono

    Per le dimensioni dell’etichetta esistono requisiti piuttosto severi.

    Inoltre, usa solo scatole di cartone rigido di almeno 5 strati.

    Inoltre, IATA impone che i prodotti siano protetti e separati all’interno dei cartoni:

    • Strato 1: Batteria al litio con imballaggio singolo
    • Strato 2: Foglio pluriball in plastica
    • Strato 3: Divisorio in cartone

    d. Norme nazionali/armonizzate di sicurezza dei prodotti

    Oltre alle normative sui trasporti, dovresti conoscere anche le norme di sicurezza nazionali.

    Oltre alla certificazione UN 38.3 e ad altre norme menzionate in questo articolo, esistono, ad esempio, alcune normative negli Stati Uniti e nell’Unione Europea che si applicano alle batterie e alle apparecchiature al litio.

    e. Requisiti per i test di laboratorio

    Tutte le batterie al litio devono essere conformi alla certificazione UN 38.3 e, prima della spedizione, gli spedizionieri ti impongono di produrre un rapporto del test.

    Esistono due modi per ottenere un rapporto del test:

    • Inviare un rapporto del test rilasciato dal fornitore

    Funziona solo se il tuo fornitore ha già un rapporto del test UN 38.3. Questo elemento non dovrebbe certamente essere dato per scontato, poiché la maggior parte dei produttori cinesi non dispone di rapporti del test UN 38.3 rilasciati da società accreditate e preposte allo svolgimento dei test.

    La richiesta e la verifica del rapporto del test UN 38.3 dovrebbe far parte del processo di valutazione del tuo fornitore, poiché puoi risparmiare centinaia di USD utilizzando il rapporto del test rilasciato dal fornitore.

    Tuttavia, ciò prevede che:

    a. Il rapporto del test sia valido per lo stesso tipo di prodotto o di batteria al litio
    b. Il fornitore (e non un subappaltatore non verificato) possieda il rapporto del test

    In altre parole, non è sempre così semplice utilizzare il rapporto del test UN 38.3 dei tuoi fornitori.

    • Ordinare un test UN 38.3 ad una società preposta e accreditata

    Nell’eventuale ipotesi in cui il tuo fornitore non sia in grado di produrre un rapporto del test UN38.3 valido e verificabile, la tua unica opzione è quella di inviare un campione di batteria a una società accreditata, preposta allo svolgimento dei test di conformità.

    Di solito, il costo dei test di laboratorio varia dai 350 ai 500 USD.

    Alcuni fornitori cinesi potrebbero offrirsi per inviare la batteria ad una società locale preposta allo svolgimento dei test. Ma qui sorgono alcuni problemi:

    a. Il rapporto del test può essere privo di valore, se non viene rilasciato da una società accreditata e preposta allo svolgimento dei test

    b. Il rapporto del test viene rilasciato a nome del fornitore, consentendogli così di utilizzarlo per altri clienti

    Questa seconda problematica potrebbe essere accettabile, se non fosse per il fatto che dovrai comunque pagare i test.

    In altre parole, contatta solo una società preposta allo svolgimento dei test, in modo da sapere chi gestisce il processo di verifica. Inoltre, riceverai un rapporto del test a nome della tua azienda.

    Spedizione delle batterie al litio ad Amazon

    In linea di principio, i requisiti del venditore Amazon per le batterie al litio sono gli stessi delle regole stabilite da IATA e dai corrieri aerei.

    Tuttavia, Amazon va anche oltre quando si tratta di garantire la sicurezza delle batterie e dei dispositivi alimentati con batterie al litio. Infatti:

    a. Amazon richiede una scheda dati aggiornata sulla sicurezza dei materiali (MSDS) che deve essere prodotta dall’importatore.

    b. Prima di aggiungerlo al tuo elenco, devi classificare correttamente il tuo prodotto (ad esempio, correggendo il numero UN).

    c. Potresti dover presentare i documenti di conformità (ad esempio, i rapporti dei test, la dichiarazione di conformità e il fascicolo tecnico), per dimostrare che il prodotto è stato testato ed è conforme alle norme di sicurezza nazionali o armonizzate (oltre ad UN 38.3).

    d. Vi sono alcuni casi in cui Amazon ha chiesto ai venditori di ottemperare all’UL 1642 che, legalmente parlando, è una norma volontaria. In definitiva, spetta ad Amazon decidere quali norme fissare, anche se sono al di sopra del minimo legale.

    Domande e risposte

    Come possiamo ottemperare alle norme se spediamo le batterie al litio via mare?

    Nel complesso, gli stessi requisiti di sicurezza, sulla documentazione, di imballaggio e di etichettatura si applicano anche al trasporto marittimo, ferroviario e terrestre delle batterie al litio.

    Ci sono comunque alcune differenze, spiegate in questa guida da Kuehne e Nagel.

    Come posso assicurarmi che il mio fornitore rispetti tali requisiti?

    La maggior parte dei fornitori cinesi non è esperta nella conformità a IATA o ad UN 38.3, quindi non dovresti chiedere loro nemmeno un consiglio.

    Nella migliore delle ipotesi, potrebbero avere un rapporto del test UN 38.3 che puoi utilizzare.

    In sostanza, se la spedizione rimane bloccata in dogana, in qualità di importatore ne paghi tu le conseguenze, pertanto devi dare indicazioni chiare al tuo fornitore e devi verificare che le segua effettivamente.

    Lista di controllo

    • Dai istruzioni al fornitore su come imballare correttamente i prodotti
    • Dai istruzioni al fornitore su come etichettare i cartoni per l’esportazione (e fornire i file di etichettatura)
    • Dai istruzioni al fornitore su come compilare la dichiarazione dello spedizioniere IATA

    Posso fidarmi del mio spedizioniere affinché se ne occupi lui?

    Uno spedizioniere rispettabile dovrebbe comprendere i requisiti di etichettatura, di imballaggio e della documentazione IATA.

    Ciononostante, egli non viene pagato per aiutarti a prenotare i test di laboratorio UN 38.3, o per dare istruzioni al tuo fornitore su come imballare ed etichettare correttamente i prodotti.

    Il tuo spedizioniere dovrebbe essere in grado di produrre i moduli e le liste di controllo e dovrebbe verificare le etichette prima della spedizione, ma non dare per scontato che gestisca l’intero processo al posto tuo.

    Ciò significa semplicemente chiedergli troppo.

     

    Hai bisogno di aiuto per importare prodotti dalla Cina?

    La nostra area specializzata, Imdico Consulting, può offrirti una consulenza professionale per l’importazione a 360° e può assisterti in ogni fase del tuo progetto!

    Affidati agli esperti di Imdico Consulting, ti affiancheranno passo dopo passo mettendo a tuo servizio la loro pluriennale esperienza, per affrontare tutte le possibili insidie che si nascondono dietro ad una importazione.

    Compila il form per ottenere subito una consulenza gratuita, descrivi il tuo progetto e ti contatteranno per valutare la strada migliore per realizzarlo!

  • "Richiedi la tua consulenza gratuita!

    Scopri come possiamo aiutarti ad importare il tuo prodotto dall'Asia

    • Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.